Come individuare le diciture fuorvianti sulle etichette dei prodotti.

Come individuare le diciture fuorvianti sulle etichette dei prodotti.

Le citazioni sane sul packaging alimentare possono essere fuorvianti. Ecco come trovare gli impostori.

Il nuovo anno potrebbe farvi pensare a una dieta più sana, ma potrebbe essere necessario fare del lavoro di detective per trovare gli alimenti più salutari nel vostro supermercato. I produttori di alimenti usano spesso termini che rendono i prodotti più sani di quello che sono in realtà.

Trovare gli alimenti più sani richiede tempo e fatica, anche se noi preferiamo cose che siano facili e veloci. Dobbiamo fare un paio di passi indietro e guardare oltre le etichette appariscenti per vedere cosa c’è veramente – e non c’è – negli alimenti. Quando impariamo a leggere le etichette diventerà più semplice fare la spesa al supermercato.

Ecco una guida ai termini più comuni che trovi sulle confezioni alimentari, oltre a dei consigli di come distinguere la realtà dal fittizio.

Vera Frutta e verdura.

Molte affermazioni “fatte con vera frutta” e “fatte con sola verdure” possono essere ingannevoli. I produttori di alimenti usano spesso un’immagine fuorviante di frutta e verdura sul loro imballaggio quando il prodotto ne contiene in realtà una quantità molto piccola: è necessario consultare l’elenco degli ingredienti per vedere cosa c’è realmente nel prodotto.
Invece, scegli la vera frutta o verdura intera – nessun pacchetto necessario, quindi nessuna lettura richiesta. Il contenuto di fibre è elevato per la pace del tuo intestino e del senso di sazietà.

Con cereali integrali.

Quando acquisti pane, crackers, fette biscottate e altri prodotti da forno, non farti ingannare: “prodotto con cereali integrali” non è lo stesso del 100% di cereali integrali. “Vedrai prodotti con dicitura a 7-cereali, 9-cereali o anche a 15-cereali, ma quei prodotti potrebbero essere per lo più farina bianca. Tuttavia, controlla la lista degli ingredienti, la prima parola dovrebbe essere “integrale”. “Farina arricchita” e “farina di grano arricchita” non sono cereali integrali.

(Per approfondire: Cereali integrali: Ecco i vantaggi)

Contiene succo di frutta.

Sii consapevole che le bevande alla frutta non sono le stesse del succo di frutta. Possono contenere solo piccole quantità di succo, ma il resto è acqua, zucchero e altri additivi. Evita le bevande alla frutta con zucchero aggiunto e limita la loro quantità, anche se è succo di frutta al 100%, poiché non c’è fibra nel succo, viene digerito rapidamente e può causare un rapido aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Lasciandoti con un fastidioso senso di fame e chili di troppo.

A basso contenuto di grassi e senza grassi.

Il vero problema di questi termini è che gli alimenti a basso contenuto di grassi e senza grassi non sono necessariamente più salutari dei cibi grassi e spesso contengono zuccheri aggiunti e sale.
Una dieta povera di grassi non significa che sia più sana o che aiuti a dimagrire: le persone devono superare la paura del grasso e capire che il grasso sano fa parte di una dieta sana.

(Per approfondire: Grassi e Dieta)

A basso contenuto di sodio.

Questa è un’altra area in cui l’etichetta può essere ingannevole. Un prodotto a “basso contenuto di sodio” deve contenere il 25% di sodio in meno rispetto alla versione normale, ma se il prodotto normale è molto ricco di sodio (ad esempio 800 mg di sodio per porzione), la versione a ridotto contenuto di sodio (600 mg per porzione) potrebbe essere ancora ad alto contenuto di sodio. Un altro termine da ricontrollare è “nessun sale aggiunto”, un termine consentito se non viene aggiunto sale durante l’elaborazione; tuttavia, ciò non significa che il cibo sia privo di sodio o anche a basso contenuto di sodio.

(Per approfondire: Sale e sodio: i fatti)

Senza glutine.

Se non si ha la celiachia, non c’è motivo di mangiare cibi privi di glutine. Non sono necessariamente più sani degli alimenti che contengono glutine e talvolta contengono più zucchero aggiunto, farina raffinata, sale e altri additivi. La chiave per i cereali sani, che contengano o no il glutine, è la scelta di farine integrali piuttosto che raffinate.

(Per approfondire: Pensaci due volte prima di mangiare senza glutine! (se non sei celiaca))

Senza Colesterolo.

I produttori alimentari usano il termine “senza colesterolo” sperando che pensiate che il prodotto sia sano, ma quanto colesterolo assumete non è più una preoccupazione primaria, dicono gli esperti di salute.
La scienza ha dimostrato che le diete ad alto contenuto di acidi grassi trans e grassi saturi, più che le diete ad alto contenuto di colesterolo, possono aumentare i livelli ematici di colesterolo LDL, il tipo “cattivo” che è collegato a maggiori rischi di infarto, ictus e malattie cardiovascolari.

(Per approfondire: 5 cibi che combattono il colesterolo)

Evita di essere ingannato

Il modo più semplice di avere una dieta sana consiste nel mangiare cibi interi o minimamente lavorati, quando possibile. Scegli frutta e verdura fresca, cereali integrali, proteine magre (pesce, pollame senza pelle, uova, fagioli) e oli vegetali (oliva, soia, mais) come basi del tuo programma alimentare.

Quando acquisti cibi lavorati, consulta l’etichetta “valori nutrizionali”. Controlla le dimensioni della porzione, le calorie, il grasso saturo (non il grasso totale), il sodio, la fibra e lo zucchero.

Questi sono i numeri che forniscono maggiori informazioni sul fatto che un cibo sia o meno sano.

E guarda sempre gli ingredienti. Compra prodotti con il minor numero di ingredienti e scegli prodotti che contengono ingredienti che conosci, infatti se non sai cos’è un ingrediente, è probabile che non sia salutare.